Viaggiare leggere: come preparare il bagaglio a mano

Ecco qualche trucchetto per preparare il bagaglio a mano a prova di bilancia, dai contenitori per liquidi agli abbinamenti intelligenti fino agli ebook

Per acquistare biglietti aerei a poco siamo pronte a tutto. Uno dei modi migliori per risparmiare, soprattutto sulle tratte brevi, è non stivare nulla (a volte costa più quello che il volo in sé). Diventa quindi fondamentale che il bagaglio a mano non superi i limiti di peso e misura imposti dalle compagnie aeree. Questo per evitare che al check in decine e decide di euro abbandonino definitivamente le nostre tasche fra lacrime e bestemmie.

come preparare il bagaglio a mano

Prima di tutto, quali sono le leggi auree per preparare un bagaglio a prova di bilancia? Partiamo all’ABC. Portiamo con noi il minimo indispensabile da qualsiasi punto di vista, dall’abbigliamento al beauty-case. Per la felicità del portafoglio rinunciamo quindi alle piccole delizie di cui godiamo di solito, come il super vestito che tanto ci dona, o la crema corpo per una pelle di pesca.
In secondo luogo, diamo un’occhiata al meteo per capire cosa ci aspetta una volta arrivate a destinazione. Così possiamo ad esempio lasciare a casa ombrello e impermeabile, telo mare e costume da bagno.
Last but not leastchiediamo alla struttura che ci ospita (albergo, ostello, b&b ecc.) se biancheria, asciugamani e phon sono servizi inclusi nel prezzo.
Detto questo, ecco alcuni utili trucchetti per viaggiare leggere come piume!

come preparare il bagaglio a mano

Vestiti abbinabili

Tutti i capi devono abbinarsi perfettamente gli uni con gli altri in termini di colore e stile. Così evitiamo di portare qualcosa da indossare solo in una mise, rubando spazio in valigia. Esempio: camicie scozzesi, gonne a pois e canottiere fiorate anche no! Nero e bianco van bene con tutto, e i jeans sono perfetti per qualsiasi occasione.

Due paia di scarpe al massimo

Scarpe, croce e delizia, come rinunciare a portarle tutte con noi in viaggio? Io riduco forzatamente a due paia (oltre alle indispensabili ciabatte di plastica, le ragioni ve le ho già spiegate qui). Scarpe per camminare comodamente tutto il giorno, e scarpe decenti per uscire la sera senza sembrare un’alpinista misantropa e disagiata.

Piccoli contenitori per liquidi

Appena comprati da Tiger a 3 euro! Sono comodi non solo per stare nei limiti dei 100 ml, ma anche per portare solo quel tot di creme e lozioni che ci serve senza far esplodere il beauty-case. E ricordate, è la grandezza del contenitore la discriminante, non il contenuto (se avete un dito di shampoo ma la confezione è da 200 ml, lo requisiscono).

Asciugamano in microfibra

Un must per qualsiasi valigia, sia che si parta per un lungo viaggio sia per un weekend: occupa pochissimo spazio e si asciuga in fretta. Il prossimo agosto, il mio di Decathlon compierà ben dieci anni! Non mi fa impazzire la sensazione che lascia sulla pelle, mi pare rimanga sempre umida, ma i punti di forza sono troppi per rinunciare.

Libri leggeri o eBook

Se come me non siete fan degli eBook ma preferite la romantica carta, portate libri che non siano dei mattoni di 2 kg, mentre sulla guida turistica non si può contrattare. Se invece amate la versione digitale (in questo caso, beate voi) siete a cavallo: scaricate tutti gli eBook del mondo dato che non avete problemi di spazio!

Indossare i capi più pesanti

Se proprio siete stracariche, quando partite indossate i capi più ingombranti così il bagaglio risulta più leggero: le scarpe da tennis o gli stivali, le felpe col cappuccio, le gonne lunghe e così via. Se partite in estate per un posto più fresco/freddo in cui serve la giacca, al check  in legatevela in vita anche se vi fa grondare di sudore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.